Via nuova Dietro la Vigna 20, 80145 Napoli
Info e prenotazioni 081 5851096 / 081 5514981

di e con Francesca Penzo e Tamar Grosz
concept/coreografia Francesca Penzo e Tamar Grosz
sound design originale Clèment Destephen

musiche non originali Vivaldi, Les Revels, Pulp Fiction OST 
organizzazione Mattia Agatiello, Cesare Benedetti 
direzione tecnica Giulia Pastore 
produzione Fattoria Vittadini e Start – Interno 5
in coproduzione con NEXT / Regione Lombardia e con il sostegno del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e del Comune di Milano

“Ogni anno gli scienziati pubblicano la descrizione di circa 17.000 nuove specie animali. Oggi indagheremo una nuova specie : “ The young indipendent woman “ .
Investigando l'ironia e il dramma di questa creatura, analizzandone le caratteristiche con scientificità e disincanto, rivelando il non - detto e l'ovvio del meraviglioso fenomeno che è l'essere femminile “

Questo progetto si sviluppa intorno all'identità di genere , è un lavoro creato da due donne, sul loro essere donne nella società contemporanea. Come in un documentario del National Geographic, a cui il lavoro si ispira nella ricerca, viene offerto al pubblico uno sguardo scientifico e ironico sulle dinamiche di relazione proprie del genere femminile. Lo sguardo coreografico si è sviluppato attorno ai processi che avvengono ciclicamente all'interno del corpo femminile. Questi processi sono associati alle fasi del ciclo mestruale, che costruiscono la struttura drammaturgica e sonora del lavoro. In ciclo delle performer , di circa 28 giorni , monitorato per la durata di 5 mesi , ha permesso di costruire la colonna vertebrale portante attorno a cui si sono sviluppate le scene. La voce costantemente presente fuori campo, attraversa le varie fasi del ciclo, invitando lo spettatore ad osservare l'attività di questi due esemplari femminili.